Novena di Natale – nono giorno – 24 Dicembre

CAMMINAVAMO NELLE TENEBRE

(Vigilia della natività del Signore Gesù Cristo)

Segno di Croce: Nel Nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Vieni Signore, non tardare

1. Vieni a portare gioia dove regna il dolore,
vieni a consolare i cuori di chi piange nella prova.

Ogni povero ti attende, apre a te le sue mani,
tu ricolmale di grazia e risana i loro cuori.

Vieni, Signore, vieni tra noi!
Vieni, non tardare, salva il mondo.

2. Vieni, Principe di pace, porta il Regno dell’amore,
spezza il giogo degli oppressi, porta la tua libertà.

Vieni, dono di speranza, e spalanca il nostro cielo.
Inondati dalla luce, noi verremo fino a te.

Vieni, Signore, vieni tra noi!
Vieni, non tardare, salva il mondo.

3. Vieni, Sposo della Chiesa. Vieni, Agnello vittorioso,
con lo Spirito la Sposa grida a te: Maranathà!

Vieni, Signore, vieni tra noi!
Vieni, non tardare, salva il mondo.

Pensiero

Il Profeta Isaia prospetta il tempo della salvezza messianica come il tempo della luce, della gioia e della liberazione. Nel Bambino che ci sarà donato sono raccolte tutte le virtù dei Santi d’Israele: Egli sa la grandezza degli eroi la potenza, saggio, pacifico; sarà il vero “Ernmanuele” cioè Dio in mezzo a noi.

Videro una grande luce

«Il popolo che camminava nelle tenebre vide una grande luce; su coloro che abitavano in terra tenebrosa una luce rifulse. Hai moltiplicato la gioia, hai aumentato la letizia. Gioiscono davanti a Te come si gioisce quando si miete e come si gioisce quando si spartisce la preda. Poiché il giogo che gli pesava e la sbarra sulle sue spalle, il bastone del suo aguzzino tu hai spezzato come al tempo di Madìan. Poiché un bambino è nato per noi, ci è stato dato un figlio. Sulle sue spalle è il segno della sovranità ed è chiamato. Consigliere ammirabile, Dio potente, Padre per sempre, Principe della pace. Grande sarà il suo dominio e la pace non avrà fine sul trono di Davide e sul regno, che egli viene a consolidare e rafforzare con il diritto e la giustizia, ora e sempre» (Is 9,1-6).

Entra nel tempo e nello spazio

O fusione inaudita, o compenetrazione paradossale! Colui che è, viene nel tempo; l’increato si fa oggetto di creazione. Colui che non ha dimensioni, entra nel tempo e nello spazio, e un’anima spirituale si fa mediatrice tra la divinità e la pesantezza della carne. Colui che arricchisce, si fa povero e mendica la mia carne, perché io venga arricchito della sua divinità. Lui, che è la pienezza si svuota, si spoglia per un poco della sua gloria, perché io possa partecipare della sua pienezza. Quale ricchezza di bontà! Quale immenso mistero mi avvolge! Sono stato fatto partecipe dell’immagine di Dio e non ho saputo custodirla: ora Dio si rende partecipe della mia carne, sia per salvare l’immagine che mi aveva data, sia per rendere immortale la mia carne. Entra in comunione con noi, in un modo nuovo ancora più profondo del primo: con chi un tempo condivise il bene, ora condivide il male; quest’ultima comunione è ancora più degna di Dio e, per chi ha intelligenza, ancora più sublime. (S. Gregorio Nazianzeno)

Ascoltaci, o Gesù

Perché accogliamo con cuore semplice e puro il tuo mistero di salvezza
– Noi Ti preghiamo, ascoltaci, o Gesù.

Perché i piccoli e i poveri di questo mondo riconoscano la loro dignità di figli di Dio e gioiscano di essere l’oggetto della preferenza divina
– Noi Ti preghiamo, ascoltaci, o Gesù.

Perché tutti gli uomini Ti accolgano e credano in Te
– Noi Ti preghiamo, ascoltaci, o Gesù

O Dio, che ci hai radunato a celebrare in devota letizia la nascita del tuo Figlio, concedi a noi e a tutta la tua Chiesa di conoscere con la fede la profondità del tuo mistero, e di viverlo con amore intenso e generoso, per Cristo nostro Signore. Amen

Santa Messa notte di Natale – Vangelo e commento

Santa Messa della Notte di Natale – Santa Messa e commento

In fondo troverai anche il video con il commento

Vangelo

Lc 2, 1-14
Dal Vangelo secondo Luca


In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando Quirinio era governatore della Siria. Tutti andavano a farsi censire, ciascuno nella propria città.

Anche Giuseppe, dalla Galilea, dalla città di Nàzaret, salì in Giudea alla città di Davide chiamata Betlemme: egli apparteneva infatti alla casa e alla famiglia di Davide. Doveva farsi censire insieme a Maria, sua sposa, che era incinta.

Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio.
C’erano in quella regione alcuni pastori che, pernottando all’aperto, vegliavano tutta la notte facendo la guardia al loro gregge. Un angelo del Signore si presentò a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande timore, ma l’angelo disse loro: «Non temete: ecco, vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia».

E subito apparve con l’angelo una moltitudine dell’esercito celeste, che lodava Dio e diceva: «Gloria a Dio nel più alto dei cieli e sulla terra pace agli uomini, che egli ama».

Pensiero

C’è una parola che ritorna più volte nelle letture della Santa Messa nella Notte del Santo Natale del Signore. Questa parola è luce. Molti anni più tardi Gesù dirà di se stesso: «Io sono la luce del mondochi segue menon camminerà nelle tenebrema avrà la luce della vita». Questo invito è valido oggi più che mai. Abbiamo bisogno di luce. Abbiamo bisogno però non di una luce ingannevole, effimera, che svanisce. Abbiamo bisogno di una luce vera, che rischiara le tenebre. Questa luce ha un nome: Gesù.

Il popolo che camminava nelle tenebre
ha visto una grande luce;
su coloro che abitavano in terra tenebrosa
una luce rifulse (Is 9)

In questa notte Santa di Natale, il popolo in cammino, un popolo stanco, affranto, provato, oppresso, ha visto la luce e dinanzi a questa vista i suoi occhi si sono riempiti di lacrime e il suo cuore ha ripreso a sperare perché la luce di quel Santo Bambino

Ha moltiplicato la gioia,
ha aumentato la letizia.

E così:
Gioiscono davanti a te
come si gioisce quando si miete
e come si esulta quando si divide la preda.
Perché tu hai spezzato il giogo che l’opprimeva,
la sbarra sulle sue spalle,
e il bastone del suo aguzzino (Is 9).

Il popolo giunge dopo tanti giorni di cammino ad una grotta e trova un Bambino adagiato in una mangiatoia; la Mamma lo guarda e il papà lo protegge con amore. È il momento della contemplazione, dell’adorazione. È l’ora del silenzio, della preghiera da cuore a cuore.  Dio è sceso sulla terra e si è nascosto in un Bambino. Ed ecco che per tutti: è apparsa la grazia di Dio, –  Come ci ha ricordato San Paolo –  ­che porta salvezza a tutti gli uomini e ci insegna a rinnegare l’empietà e i desideri mondani e a vivere in questo mondo con sobrietà, con giustizia e con pietà, nell’attesa della beata speranza e della manifestazione della gloria del nostro grande Dio e salvatore Gesù Cristo. Egli ha dato se stesso per noi, per riscattarci da ogni iniquità e formare per sé un popolo puro che gli appartenga, pieno di zelo per le opere buone (Tt 2,1-14).

Ognuno da quella grotta ritornerà nelle proprie case, alla propria vita ma non può più tornare allo stesso modo. Cosi come al termine di questa Santa Messa ognuno ritornerà alle proprie occupazioni. Dinanzi a quella mangiatoia, ai piedi dell’altare  deve abbandonare il suo cuore.

Tu lasci il tuo cuore, Gesù Bambino ti dona il suo. A guadagnarci sei proprio tu. Ma anche Lui è felice perché sa di poter contare su di te. Sa che nel tuo cuore troverà posto e non sarà ancora come nel giorno in cui Lui è nato in cui tutti lo rifiutavano: Lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio. (Lc 2)

Oggi ti consegno quella Luce Santa. Ogni ti consegno Gesù Bambino e ti chiedo: “Lo vuoi?”, “c’è posto per Lui nel tuo cuore, nella tua vita?”.

Dagli posto. Invocalo al mattino, cammina con Lui durante il giorno. Riposa con Lui alla sera. Lascia che sia Gesù a dirigere la tua vita. I pastori tornano da quell’incontro con un cuore nuovo, e tu?

Se abbandoni Dio sarai senza la pace. Affronterai mille battaglie e ne perderai mille e una. Non sbagliare scelta. Sarai impopolare, fuori moda, di altri tempi per tanti ma scegli sempre il Signore.

Buon Natale a te. Buona ri-nascita in Cristo.

Don Francesco Cristofaro

Buon Natale a tutti

Tra pochi giorni è Natale. Molti dicono che non sarà il solito Natale o come tutti gli altri. Forse siamo abituati a celebrare un Natale non vero o forse solo una parte della festa, quella delle luci, dei pranzi, dei regali. Natale è nascita di Cristo. Natale è dono del Figlio di Dio all’umanità. Questo dono si rinnova.

Desidero con tutto il cuore far giungere a tutti voi un augurio speciale, colmo di bene e di grande affetto. La Famiglia di Nazaret oggi si ripropone a noi come modello da seguire, imitare. Giuseppe è uomo giusto e buono. E’ custode. Pensa prima di agire. Maria è la donna dell’accoglienza della volontà di Dio. Gesù cresce in età, sapienza e grazia. La famiglia di Nazaret è armoniosa perchè pone al centro la volontà di Dio.

Ti invito a visionare il video per ascoltare il ricco messaggio. 

Novena di Natale – Settimo giorno – 22 Dicembre

SI E’ FATTO CARNE

Segno di Croce: Nel Nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Vieni Signore, non tardare

1. Vieni a portare gioia dove regna il dolore,
vieni a consolare i cuori di chi piange nella prova.

Ogni povero ti attende, apre a te le sue mani,
tu ricolmale di grazia e risana i loro cuori.

Vieni, Signore, vieni tra noi!
Vieni, non tardare, salva il mondo.

2. Vieni, Principe di pace, porta il Regno dell’amore,
spezza il giogo degli oppressi, porta la tua libertà.

Vieni, dono di speranza, e spalanca il nostro cielo.
Inondati dalla luce, noi verremo fino a te.

Vieni, Signore, vieni tra noi!
Vieni, non tardare, salva il mondo.

3. Vieni, Sposo della Chiesa. Vieni, Agnello vittorioso,
con lo Spirito la Sposa grida a te: Maranathà!

Vieni, Signore, vieni tra noi!
Vieni, non tardare, salva il mondo.

Pensiero

Con un misterioso vaticinio il profeta Isaia promette un “segno” di salvezza: la nascita miracolosa dell’ “Emmanuele”, figlio di una vergine. L’Evangelista attribuisce esplicitamente la profezia alla nascita di Gesù: Egli è veramente l’Emmanuele, cioè Dio con noi. Facendosi uomo, Egli è venuto ad abitare in mezzo a noi e rimane con noi anche oggi, nella Chiesa e nell’Eucaristia.

Dio con noi

«”Chiedi un segno dal Signore tuo Dio, dal profondo degli inferi oppure lassù in alto”. Ma Acaz rispose: “Non lo chiederò, non voglio tentare il Signore”. Allora Isaia disse: “Ascoltate, casa di Davide! Non vi basta di stancare la pazienza degli uomini, perché ora vogliate stancare anche quella del mio Dio? Pertanto il Signore stesso vi darà un segno. Ecco: la vergine concepirà e partorirà un figlio, che chiamerà Emmanuele: Dio con noi”» (is 7,10-14).

Dio ha dimorato tra noi

Ti chiederai in che modo la divinità si è incarnata, come il fuoco nel ferro, non trasferendosi, ma comunicandosi. Il fuoco infatti, non si slancia verso il ferro al quale si comunica. Non subisce diminuzione, ma riempie totalmente il ferro al quale si comunica. Allo stesso modo, Dio, il Verbo “che ha dimorato tra noi” non è uscito da Se stesso; il Verbo che si è fatto carne non fu soggetto a mutamento; il Cielo non fu privato di Colui che teneva e la terra accolse nel proprio seno colui che nei cieli.

Lasciati penetrare da questo mistero: Dio è venuto nella carne per uccidere la morte che vi si nasconde. Come le cure e le medicine vincono gli elementi nocivi assimilati dal corpo, e come il buio in casa è dissipato dalla luce che entra, così la morte che teneva in suo potere la natura umana fu distrutta con la venuta della divinità. Come il ghiaccio prevale sull’acqua mentre è notte e persiste l’oscurità, ma appena sorge il sole si scioglie al calore dei suoi raggi, così la morte ha regnato fino alla venuta di Cristo; quando è apparsa la grazia salvatrice di Dio e si è levato il Sole di giustizia, la morte fu assorbita dalla vittoria, non avendo potuto resistere alla presenza della vera vita. Noi pure manifestiamo la nostra gioia, festeggiamo la salvezza del mondo, il giorno della nascita dell’umanità. Oggi è tolta la condanna di Adamo. Non si dirà più: “Polvere tu sei e alla polvere tornerai”, ma: “Unito a colui che è nei cieli, sarai elevato al cielo”. (S. Basilio M.)

Onore e gloria a Te, Signore Gesù.

Per l’immenso amore che Ti ha spinto a farti nostro fratello
– Noi Ti lodiamo, onore e gloria a Te, Signore Gesù!

Perché ci hai raccolti nella tua Chiesa, arca di salvezza
– Noi Ti lodiamo, onore e gloria a Te, Signore Gesù!

Perché ci hai dato la speranza della vita gioiosa e senza fine nel tuo regno
– Noi Ti lodiamo, onore e gloria a Te, Signore Gesù!

Per riparare al peccato degli uomini che non Ti hanno accolto e non Ti amano
– Noi Ti lodiamo, onore e gloria a Te, Signore Gesù!

Padre Nostro, Ave Maria, Gloria al Padre

Risplendi su di noi con la luce della tua gloria, Signore Gesù Cristo, e la tua venuta vinca le tenebre del male e porti a tutti gli uomini la liberazione dalla schiavitù del peccato. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli. Amen.

Novena di Natale 2020 – Terzo giorno -18 Dicembre

PREPARIAMO LE VIE AL SIGNORE

Segno di Croce: Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Vieni Signore, non tardare

(Se clicchi sull’immagine trovi il materiale degli esercizi spirituali dell’Avvento 2020)

1. Vieni a portare gioia dove regna il dolore,
vieni a consolare i cuori di chi piange nella prova.

Ogni povero ti attende, apre a te le sue mani,
tu ricolmale di grazia e risana i loro cuori.

Vieni, Signore, vieni tra noi!
Vieni, non tardare, salva il mondo.

2. Vieni, Principe di pace, porta il Regno dell’amore,
spezza il giogo degli oppressi, porta la tua libertà.

Vieni, dono di speranza, e spalanca il nostro cielo.
Inondati dalla luce, noi verremo fino a te.

Vieni, Signore, vieni tra noi!
Vieni, non tardare, salva il mondo.

3. Vieni, Sposo della Chiesa. Vieni, Agnello vittorioso,
con lo Spirito la Sposa grida a te: Maranathà!

Vieni, Signore, vieni tra noi!
Vieni, non tardare, salva il mondo.

Pensiero

Al popolo d’Israele, oppresso dalla schiavitù babilonese, il profeta Isaia dà un lietissimo annuncio: è prossima la liberazione. Il Signore stesso verrà in mezzo al suo popolo come Pastore buono che ha cura del debole, come Padre misericordioso che perdona i peccati, come Dio forte che sconfigge i nemici. I prescelti da Dio, però, devono impegnarsi a preparare la strada al Signore e a togliere tutti gli ostacoli del male mediante una vera conversione.

Ecco il Signore!

«Una voce grida: “Nel deserto preparate la via al Signore, appianate nella steppa la strada per il nostro Dio. Ogni valle sia colmata, ogni monte e colle siano abbassati; il terreno accidentato si trasformi in piano e quello scosceso in pianura. Allora si rivelerà la gloria del Signore e ogni uomo la vedrà”» (Is 40,3-5). Sali su un alto monte, tu che rechi liete notizie in Sion. Alza la voce, non temere; annunzia alle città di Giuda: «Ecco il vostro Dio! Ecco, il Signore Dio viene con potenza, con il braccio egli detiene il dominio. Come un pastore egli fa pascolare il gregge e con il suo braccio lo raduna; porta gli agnellini sul seno e conduce pian piano le pecore madri» (Is 40,9-11).

Prepariamo i nostri cuori

Il Signore vuole trovare una via per entrare nei nostri cuori e dimorarvi. La voce grida nel deserto: Preparate una strada. Questa voce giunge prima all’orecchio e dopo, o meglio attraverso l’ascolto, la parola penetra nell’intelletto. Preparate, dice la voce, una strada al Signore. Quale via gli prepareremo? Una strada materiale? Ma la parola di Dio può richiedere una simile via? Non occorre piuttosto preparare al Signore una via interiore e tracciare nel nostro cuore delle strade diritte, piane? Sì, questa è la via per cui la Parola di Dio si introduce per stabilirsi nel cuore dell’uomo. Prepariamo una via al Signore con una buona coscienza, rendiamo piana la strada perché il Bambino Gesù possa camminare in noi senza difficoltà e donarci conoscenza dei suoi misteri e della sua venuta. (Origene: “Omelie su Luca”)

(Clicca sull’immagine per iscriverti al canale Youtube Don Francesco Cristofaro per ricevere i video e seguire le dirette di preghiera)

Manda li tuo Spirito, o Signore

Perché otteniamo il perdono dei nostri peccati e la purificazione da tutte le nostre colpe
– Noi Ti preghiamo, manda il tuo Spirito, o Signore.

Perché otteniamo l’aumento della fede e della nostra adesione alla volontà di Dio
– Noi Ti preghiamo, manda il tuo Spirito, o Signore.

Perché otteniamo l’aumento della speranza nei beni eterni promessi da Dio
– Noi Ti preghiamo, manda il tuo Spirito, o Signore.

Perché otteniamo l’aumento della carità e della grazia che ci rendono conformi alla santità di Dio
– Noi Ti preghiamo, manda il tuo Spirito, o Signore.

Padre Nostro, Ave Maria, Gloria al Padre.

O Dio onnipotente che ci chiami a preparare la via al Cristo Signore, fa’ che per la debolezza della nostra fede non ci stanchiamo di attendere la consolante presenza del Medico Celeste. Per Cristo nostro Signore. Amen.

(Adattata da Don Francesco Cristofaro)

Novena di Natale – secondo giorno – 17 Dicembre

GIOISCE IL NOSTRO CUORE

Per mezzo del Profeta, Dio annuncia al suo Popolo la futura salvezza. Questo annuncio è fonte di grande gioia: infatti, per i meriti del Salvatore, sarà ristabilita la riconciliazione e la comunione perfetta con Dio.

Non temere

«Gioisci, figlia di Sion, esulta, Israele, e rallegrati con tutto il cuore, figlia di Gerusalemme! Il Signore ha revocato la tua condanna, ha disperso il tuo nemico. Re d’Israele è il Signore in mezzo a Te, tu non vedrai più la sventura. In quel giorno si dirà a Gerusalemme: “Non temere, Sion, non lasciarti cadere le braccia! Il Signore tuo Dio in mezzo a Te è un Salvatore potente.

Esulterà di gioia per te. Ti rinnoverà con il suo amore, si rallegrerà per te con grida di gioia, come nei giorni di festa”» (Sol 3,14-18).

Desiderato dalle genti

«Mi consumo nell’attesa della tua salvezza» (Sai 119,81), si consuma nel desiderio e nell’attesa della salvezza donataci da Dio. Buono è questo “consumarsi”: infatti rivela il desiderio del bene, certo non ancora raggiunto, ma tanto desiderato. Dall’origine del genere umano fino alla fine dei secoli chi pronuncia queste parole se non la stirpe eletta, il sacerdozio regale, la nazione santa che desidera Cristo? Testimone ne è il Santo vegliardo Simeone che, ricevendo il Cristo Bambino tra le braccia, disse: «Ora lascia, o Signore, che il tuo servo vada in pace secondo la tua parola; perché i miei occhi hanno visto la tua salvezza» (Lc 2,29-30).

Come il desiderio di questo vegliardo, tale si deve credere sia stato quello di tutti i Santi delle epoche precedenti. Anche il Signore stesso dice ai discepoli: « Molti profeti e giusti hanno desiderato vedere ciò che voi vedete, e non lo videro, e ascoltare ciò che voi ascoltate, e non l’udirono» (Mt 13,17) perché si riconosca anche la voce di tutto l’antico Israele nelle parole: “L’anima mia si strugge per la tua salvezza”. Dunque mai nel passato si spense questo desiderio dei Santi, né al presente si placa nel corpo di Cristo, che è la Chiesa, fino alla consumazione dei secoli, fin quando verrà “il Desiderato di tutte le nazioni”. (S. Agostino)

Cristo Gesù, ascoltaci

Perché comprendiamo con tutti i Santi il mistero del Regno al quale siamo chiamati
– Noi Ti preghiamo, Cristo Gesù ascoltaci.

Perché possiamo comprendere che in Te formiamo il popolo grande e ricco di ogni benedizione promessa al nostro padre Abramo
– Noi Ti preghiamo, Cristo Gesù ascoltaci.

Affinché tutte le famiglie della terra siano benedette in Te
– Noi Ti preghiamo, Cristo Gesù ascoltaci.

Perché tutti i popoli vengano dall’Oriente e dall’Occidente e siedano a mensa nel Regno dei Cieli
– Noi Ti preghiamo, Cristo Gesù ascoltaci.

Il tuo aiuto, Signore, ci renda perseveranti nel bene in attesa del Cristo, tuo Figlio; quando Egli verrà e busserà alla porta ci trovi vigilanti nella preghiera ed esultanti nella lode. Per Cristo nostro Signore. Amen.

Padre Nostro, Ave Maria, Gloria al Padre

(Clicca sulla foto per iscriverti al canale YouTube di Don Francesco Cristofaro e ricevere i video e partecipare alle dirette di preghiera)

Vangelo del giorno e commento – 6 Dicembre (seconda Domenica di Avvento)

Liturgia della Parola – 6 Dicembre – Seconda Domenica del Tempo Ordinario

(Per il Vangelo puoi consultare testo e video con commento)

Lettura

Is 40, 1-5.9-11Dal libro del profeta Isaìa
«Consolate, consolate il mio popolo – dice il vostro Dio –.
Parlate al cuore di Gerusalemme e gridatele che la sua tribolazione è compiuta, la sua colpa è scontata, perché ha ricevuto dalla mano del Signore il doppio per tutti i suoi peccati».
Una voce grida: «Nel deserto preparate la via al Signore,
spianate nella steppa la strada per il nostro Dio.
Ogni valle sia innalzata, ogni monte e ogni colle siano abbassati; il terreno accidentato si trasformi in piano
e quello scosceso in vallata.
Allora si rivelerà la gloria del Signore e tutti gli uomini insieme la vedranno, perché la bocca del Signore ha parlato».
Sali su un alto monte, tu che annunci liete notizie a Sion!
Alza la tua voce con forza, tu che annunci liete notizie a Gerusalemme.
Alza la voce, non temere; annuncia alle città di Giuda: «Ecco il vostro Dio! Ecco, il Signore Dio viene con potenza,
il suo braccio esercita il dominio.
Ecco, egli ha con sé il premio e la sua ricompensa lo precede. Come un pastore egli fa pascolare il gregge
e con il suo braccio lo raduna; porta gli agnellini sul petto e conduce dolcemente le pecore madri».

C: Parola di Dio.
A: Rendiamo grazie a Dio.

Salmo Responsoriale

Sal.84

RIT: Mostraci, Signore, la tua misericordia e donaci la tua salvezza.

Ascolterò che cosa dice Dio, il Signore:
egli annuncia la pace
per il suo popolo, per i suoi fedeli.
Sì, la sua salvezza è vicina a chi lo teme,
perché la sua gloria abiti la nostra terra.

Amore e verità s’incontreranno,
giustizia e pace si baceranno.
Verità germoglierà dalla terra
e giustizia si affaccerà dal cielo.

Certo, il Signore donerà il suo bene
e la nostra terra darà il suo frutto;
giustizia camminerà davanti a lui:
i suoi passi tracceranno il cammino.

Seconda Lettura

2 Pt 3, 8-14

Dalla seconda lettera di san Pietro apostolo

Una cosa non dovete perdere di vista, carissimi: davanti al Signore un solo giorno è come mille anni e mille anni come un solo giorno. Il Signore non ritarda nel compiere la sua promessa, anche se alcuni parlano di lentezza. Egli invece è magnanimo con voi, perché non vuole che alcuno si perda, ma che tutti abbiano modo di pentirsi.
Il giorno del Signore verrà come un ladro; allora i cieli spariranno in un grande boato, gli elementi, consumati dal calore, si dissolveranno e la terra, con tutte le sue opere, sarà distrutta.
Dato che tutte queste cose dovranno finire in questo modo, quale deve essere la vostra vita nella santità della condotta e nelle preghiere, mentre aspettate e affrettate la venuta del giorno di Dio, nel quale i cieli in fiamme si dissolveranno e gli elementi incendiati fonderanno! Noi infatti, secondo la sua promessa, aspettiamo nuovi cieli e una terra nuova, nei quali abita la giustizia.
Perciò, carissimi, nell’attesa di questi eventi, fate di tutto perché Dio vi trovi in pace, senza colpa e senza macchia.

C: Parola di Dio.
A: Rendiamo grazie a Dio.

Canto al Vangelo

Alleluia, Alleluia.

Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri!
Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio!

Alleluia.

Vangelo

Mc 1, 1-8
Dal Vangelo secondo Marco

Inizio del vangelo di Gesù, Cristo, Figlio di Dio.
Come sta scritto nel profeta Isaìa:
«Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero: egli preparerà la tua via.
Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri», vi fu Giovanni, che battezzava nel deserto e proclamava un battesimo di conversione per il perdono dei peccati.
Accorrevano a lui tutta la regione della Giudea e tutti gli abitanti di Gerusalemme. E si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati.
Giovanni era vestito di peli di cammello, con una cintura di pelle attorno ai fianchi, e mangiava cavallette e miele selvatico. E proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Professione di Fede

Credo in un solo Dio, Padre onnipotente,
creatore del cielo e della terra,
di tutte le cose visibili e invisibili.
Credo in un solo Signore, Gesù Cristo, unigenito Figlio di Dio,
nato dal Padre prima di tutti i secoli:
Dio da Dio, Luce da Luce, Dio vero da Dio vero,
generato, non creato, della stessa sostanza del Padre;
per mezzo di lui tutte le cose sono state create.
Per noi uomini e per la nostra salvezza
discese dal cielo,
e per opera dello Spirito Santo
si è incarnato nel seno della Vergine Maria
e si è fatto uomo.
Fu crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato,
morì e fu sepolto.
Il terzo giorno è risuscitato, secondo le Scritture,
è salito al cielo, siede alla destra del Padre.
E di nuovo verrà, nella gloria,
per giudicare i vivi e i morti,
e il suo regno non avrà fine.
Credo nello Spirito Santo, che è Signore e dà la vita,
e procede dal Padre e dal Figlio.
Con il Padre e il Figlio è adorato e glorificato,
e ha parlato per mezzo dei profeti.
Credo la Chiesa, una santa cattolica e apostolica.
Professo un solo battesimo per il perdono dei peccati.
Aspetto la risurrezione dei morti
e la vita del mondo che verrà. Amen.

Preghiera dei Fedeli

Fratelli carissimi,
invochiamo Dio, datore di ogni bene,
perché ci aiuti ad accogliere nella fede
la venuta del Salvatore.

Venga il tuo regno, Signore.

Per la Chiesa diffusa nel mondo,
perché in atteggiamento costante di povertà e di servizio,
testimoni a tutti che Gesù è il Signore, preghiamo. R.

Per i popoli che non conoscono il Vangelo,
perché la solidarietà delle comunità cristiane
li prepari ad accogliere il Salvatore, preghiamo. R.

Per la giustizia e la pace nel mondo,
perché gli egoismi, le chiusure e gli interessi di parte
cedano il posto alla vera fraternità, preghiamo. R.

Per i poveri, gli oppressi, gli sfruttati,
perché la loro causa trovi un giusto riconoscimento
in una società più aperta e sensibile, preghiamo. R.

Per noi qui presenti,
Perché nell’attesa del Signore ci convertiamo a una scelta di vita
in cui l’uomo valga soprattutto per quello che è
e non per quanto possiede, preghiamo. R.

Venga in nostro aiuto il tuo Santo Spirito,
o Dio fonte della vita,
e il nostro impegno evangelico
diventi germe dei nuovi cieli e della nuova terra
che il Cristo verrà a instaurare nell’ultimo giorno.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.

Amen.

Calendario dell’Avvento – settima tappa 5 Dicembre

Calendario dell’Avvento – Settima tappa

5 Dicembre.

La Parola per oggi:

Popolo di Sion, che abiti a Gerusalemme,
tu non dovrai più piangere.
A un tuo grido di supplica [il Signore] ti farà grazia;
appena udrà, ti darà risposta.
Anche se il Signore ti darà il pane dell’afflizione
e l’acqua della tribolazione,
non si terrà più nascosto il tuo maestro;
i tuoi occhi vedranno il tuo maestro,
i tuoi orecchi sentiranno questa parola dietro di te (Is 30,19-21).

Pensiero:

Quanta speranza e quanta consolazione in queste parole del Signore. Aspetta un attimo. Ritorna indietro e rileggi le parole del profeta con grande attenzione. Non soffermarti alle afflizioni. Pensa alla Divina consolazione: “i tuoi occhi vedranno il tuo maestro”. Loda il Signore oggi per questo dono.

Domanda del giorno: Sta per concludere questa prima settimana di Avvento. Quali progressi hai raggiunto?

Impegno del giorno:

Fai altri due piccoli passi verso Gesù che sta per venire.

Primo passo: Oggi ripeterai spesso le parole di questo Salmo. Faranno molto bene al tuo cuore:

Sal.146

È bello cantare inni al nostro Dio,
è dolce innalzare la lode.
Il Signore ricostruisce Gerusalemme,
raduna i dispersi d’Israele.

Risana i cuori affranti
e fascia le loro ferite.
Egli conta il numero delle stelle
e chiama ciascuna per nome.

Grande è il Signore nostro,
grande nella sua potenza;
la sua sapienza non si può calcolare.
Il Signore sostiene i poveri,
ma abbassa fino a terra i malvagi

Secondo passo:  Fai l’esame di coscienza per poter accostarti oggi o nei prossimi giorni alla santa confessione.

Segnati con il segno di croce. Ritorna alle tue occupazioni ma non dimenticare durante il giorno di avere dei piccoli pensieri per Gesù.

Don Francesco Cristofaro

Calendario dell’Avvento – Quinta tappa – 3 dicembre

Calendario dell’Avvento – Quinta tappa

3 Dicembre.

La Parola per oggi:

Confidate nel Signore sempre,
perché il Signore è una roccia eterna,
perché egli ha abbattuto
coloro che abitavano in alto,
ha rovesciato la città eccelsa,
l’ha rovesciata fino a terra,
l’ha rasa al suolo.
I piedi la calpestano:
sono i piedi degli oppressi,
i passi dei poveri (Is 26,1-6)

Pensiero:

In un altro passo, precisamente nel Salmo 24 ci viene detto: “Chi confida nel Signore non resterà deluso”. A volte può sembrare che il potente, lo stolto trionfi sul piccolo, sul debole, sul servo del Signore. Dio lo può permettere ma non per sempre. La nostra fede viene messa alla prova, il nostro amore, la nostra perseveranza viene esaminata. Chi confida nel Signore e sa attendere vedrà la luce e la liberazione. Bisogna vivere questi momenti con preghiera e silenzio. Diceva San Pio da Pietrelcina: “Prega e spera non agitarti. L’agitazione non giova a nulla. Dio è misericordioso e ascolterà la tua preghiera”.

Domanda del giorno: Come affronti le prove della fede? Sei mite e umile di cuore?

Impegno del giorno:

Fai altri due piccoli passi verso Gesù che sta per venire.

Primo passo: Oggi ripeterai spesso le parole di questo Salmo. Faranno molto bene al tuo cuore:

Sal.117

Rendete grazie al Signore perché è buono,
perché il suo amore è per sempre.
È meglio rifugiarsi nel Signore
che confidare nell’uomo.
È meglio rifugiarsi nel Signore
che confidare nei potenti.

Secondo passo:  Oggi ti eserciterai in tanti piccoli atti di pazienza. Fai ogni cosa con sottomissione.

Segnati con il segno di croce. Ritorna alle tue occupazioni ma non dimenticare durante il giorno di avere dei piccoli pensieri per Gesù.

 

Don Francesco Cristofaro

Calendario dell’Avvento – Seconda tappa – 30 Novembre

Calendario dell’Avvento – Seconda tappa

30 Novembre.

La Parola per oggi:

Fratello, se con la tua bocca proclamerai: «Gesù è il Signore!», e con il tuo cuore crederai che Dio lo ha risuscitato dai morti, sarai salvo. Con il cuore infatti si crede per ottenere la giustizia, e con la bocca si fa la professione di fede per avere la salvezza.
Dice infatti la Scrittura: «Chiunque crede in lui non sarà deluso». (Rm 10, 9-18)

Pensiero:

Gesù è il Signore! Ma cosa significa per me questa confessione? Che sempre guardo a Lui per imitarlo nei pensieri, nelle parole e nelle opere. “i miei pensieri non sono i vostri pensieri, le vostre vie non sono le mie vie”. Ci professiamo cristiani ma, molte volte, sganciamo la nostra vita da un autentico cammino di fede. Si, crediamo nel Signore però quando la nostra volontà non coincide con la sua, ci ribelliamo.

Domanda del giorno: Cosa significa che Gesù è il Signore della mia vita?

Impegno del giorno:

Fai altri due piccoli passi verso Gesù che sta per venire.

Primo passo: leggi questa Parola di Isaia:

Cercate il Signore, mentre si fa trovare,
invocatelo, mentre è vicino.
L’empio abbandoni la sua via
e l’uomo iniquo i suoi pensieri;
ritorni al Signore che avrà misericordia di lui
e al nostro Dio che largamente perdona.
Perché i miei pensieri non sono i vostri pensieri,
le vostre vie non sono le mie vie. Oracolo del Signore.
Quanto il cielo sovrasta la terra,
tanto le mie vie sovrastano le vostre vie,
i miei pensieri sovrastano i vostri pensieri.(Is 55)

Secondo passo: rimani almeno 5 minuti in silenzio orante. Non distrarti. Se puoi fai un’opera di misericordia.

Segnati con il segno di croce. Ritorna alle tue occupazioni ma non dimenticare durante il giorno di avere dei piccoli pensieri per Gesù.

Don Francesco Cristofaro