STORIE PER L’ANIMA

(scritte da don Francesco Cristofaro)

Il tesoro nascosto

«Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto nel campo; un uomo lo trova e lo nasconde; poi va, pieno di gioia, vende tutti i suoi averi e compra quel campo.
Il regno dei cieli è simile anche a un mercante che va in cerca di perle preziose; trovata una perla di grande valore, va, vende tutti i suoi averi e la compra». (Mt 13,44-46).

Il racconto.

Don Andrea stava facendo il solito giro tra le campagne della sua comunità. Per strada incontra Antonio che conduce al pascolo il suo gregge.  «Buongiorno Reverendo». «Buongiorno Antonio». Il prete si ferma volentieri a scambiare due chiacchiere con quel suo parrocchiano, un po’ lontano dalla vita comunitaria e che aveva modo di incontrare solo in questi momenti durante la visita agli ammalati.

«Come va Antonio? Cosa mi racconti di bello?» chiese il sacerdote al pastore. «Va male, don Andrea! Va molto male. Questa crisi ci sta distruggendo tutti. Queste stagioni impazzite, rovinano i campi e i raccolti vanno perduti. Siamo tutti piegati a terra. Non so come pagare le tasse, i fornitori, il mutuo. Le banche ci rifiutano ogni dilazione e ogni ulteriore prestito. Don Andrea, ci vorrebbe un tesoro per pagare tutto ». Il sacerdote lo guarda molto dispiaciuto e in silenzio. Deve dirgli qualcosa. Quell’uomo è veramente disperato.

«Antonio, le tue parole mi commuovono. Voglio aiutarti. Io so dove si trova un grande tesoro nascosto. Lo condivido volentieri con te. Vai in Chiesa nel primo pomeriggio; a quell’ora non c’è mai nessuno. Il tesoro si trova sull’altare lì dove c’è la porticina che conserva le ostie consacrate». «Padre – dice Antonio – lei mi sta prendendo in giro». «No Antonio – ribatte il parroco – non lo farei mai. Fidati di me. Vai e troverai quanto ti ho detto. Ora, però caro Antonio, ti devo salutare. Ho ancora alcune visite da fare».

Intorno alle 14:30 Antonio sale in paese in sella alla sua bicicletta e si dirige verso la Chiesa. Entra in Chiesa, si toglie il cappello, un segno di croce disordinato. Si guarda intorno per vedere se ce qualcuno e passo dopo passo si porta verso l’altare. Ricorda le parole del parroco. « Il tesoro si trova sull’altare, lì dove c’è la porticina che conserva le ostie consacrate». Arriva sull’altare e comincia a guardare, a toccare. Tocca il marmo dell’altare per vedere se c’è qualcosa che si apre, alza i due candelabri. Si china a terra, solleva il tappeto. Nulla. Non c’è nulla. “perché don Andrea mi ha preso in giro?” pensa tra se il povero pastore e triste ripercorre la navata della Chiesa per raggiungere la porta e andare via, deluso e amareggiato. Arrivato alla porta, Antonio si gira per fare un segno di croce prima di uscire. Il suo sguardo si posa su quella porticina che contiene le ostie consacrate. Pensa tra se: “ma non mi aveva detto il parroco che il tesoro si trova lì dove c’è la porticina che conserva le ostie”. Con passo più spedito, ripercorre la navata della Chiesa fino all’altare, fino a quella porticina. La tocca, fa un piccolo tocco come per bussare. La osserva in silenzio.

Nel suo cuore avverte una voce: «Cosa vuoi?». Antonio indietreggia per la paura. Cade a terra in ginocchio. Le lacrime bagnano il suo viso. Non aveva mai pianto se non poche volte in tutta la sua vita, al funerale della mamma e alla nascita dei suoi 4 figli. Quella voce gli risuonava nelle orecchie come un invito a lasciarsi andare, a parlare liberamente dinanzi a quella porticina. E cosi ha inizio la sua preghiera.

«Signore, non sono il più fedele sei tuoi figli; lo so, non vengo mai a trovarti e ti chiedo scusa per questo. La vita di un pastore è molto difficile, ma Tu questo lo sai già. Gesù, Tu sai tutto, conosci la mia famiglia, i miei figli, mia moglie, i nostri sacrifici e anche tutti i problemi che ci affliggono. Non so più come fare! Non è bello guardare i propri figli e sapere che non puoi dargli ciò che ti chiedono. Non è bello essere guardati con occhi di disprezzo e di pietà. Non è bello sentirsi dire: “se non paga siamo costretti a pignorare”… e noi che faremo? Dove andremo? Anche se non merito nulla Signore mio, Tu mi puoi aiutare? … Ti prego…».

Antonio guarda quella porticina del tabernacolo cercando una risposta. C’è grande silenzio nella Chiesa. Il povero pastore si alza da terra, tra le mani stringe il suo cappello e con il cuore più leggero lascia la Chiesa. Si dirige verso la sua bicicletta. Incontra un uomo, uno di quelli che non avrebbe mai voluto incontrare. Il pastore è in debito con lui di una grossa somma di denaro e pochi giorni prima si era presentato a casa sua con tono violento per chiedergli indietro i soldi. “Questa proprio non ci voleva” pensa tra sé il povero Antonio, ma non fa in tempo a finire il discorso che l’uomo burbero lo saluta ma in un modo diverso: «compare, che fate a quest’ora in paese?…», «sono venuto a sbrigare una commissione ma stavo già tornando alla fattoria…». «Sentite, compare Antonio, lo so che l’altra sera sono stato un po’ buebero. Siete una brava persona. A me, per il momento quei soldi non mi abbisognano ma, non appena avrete qualcosa da parte, me li darete un po’ per volta, così non ci perdo io ed è più facile anche per voi…».

Il povero pastore non riusciva a credere a ciò che avevano appena sentito le sue orecchie. Il suo volto ritorna sereno e riesce anche ad accennare un sorriso. «Grazie… grazie… grazie – ripeteva in continuazione – avrete tutto ciò che vi devo. Grazie». Si salutano e ognuno continua per la propria strada. Antonio sale sulla sua bicicletta e prima di andare via si gira verso la Chiesa e da lì si intravede quella porticina sull’altare che conserva le ostie consacrate e dice con voce commossa: «Grazie Signore. Ora ho trovato il mio grande Tesoro. Sei Tu. Non ti abbandonerò più».

L’insegnamento

Tante volte cerchiamo le nostre soluzioni in ciò che è umano, in cose o persone che non possono aiutarci e, allora, l’angoscia e la disperazione si fa più grande in noi. Antonio, consigliato dal sacerdote, si mette a cercare ma lui cerca una soluzione umana, un tesoro che prima o poi si sarebbe esaurito e, invece, trova una soluzione divina, un tesoro nascosto ed inesauribile. Ha parlato con il cuore al Signore nascosto dietro quella porticina ed Egli gli ha risposto inondando il suo cuore di pace santa e muovendo il cuore del nemico a compassione. Spesso l’uomo pensa che dedicare del tempo a Gesù, alla preghiera, al bene spirituale della sua anima, allo spirito, sia un tempo inutile, un tempo perso. È il Signore la nostra unica e vera benedizione. Se Lui benedice, ciò che facciamo è benedetto. Dobbiamo confessarlo: spesso siamo egoisti ed egocentrici. Facciamo ruotare tutto attorno a noi. Ogni nostra giornata deve iniziare con il Signore e con Lui deve terminare.

La storia di Antonio, ma ancor prima il racconto della parabola del tesoro nascosto ci richiama alla nostra grande responsabilità di cristiani. Il cristiano non è colui che riceve ma colui che dona, che si adopera a seminare la gioia del vangelo nei cuori. Il cristiano è colui che indica Cristo ai suoi fratelli. Quanti cuori affranti e smarriti incontriamo durante le nostre giornate? Diciamo loro una parolina di speranza, di vangelo? Condividiamo con loro la perla preziosa che noi abbiamo trovato? Indichiamo la strada per trovare il tesoro nascosto? Siamo diventati cristiani muti e di questo neanche ce ne accorgiamo. È un grave peccato di omissione. Gesù ha messo la salvezza dei nostri fratelli nelle mani di ciascuno di noi e cosa stiamo facendo?

 

Preghiera

Signore dove sei?

Ti cerco ma non ti trovo. Ti chiamo ma non odo risposta.

Dove sei?

Ti cerco ancora nel silenzio di una chiesa con lo sguardo fisso al tabernacolo santo.

Sono qui Signore, rispondimi.

Ti cerco ancora.

“Cosa vuoi?”.

Voglio Te. Voglio solo Te Signore.

Ti ho trovato e non ti lascerò mai più.

 

Don Francesco Cristofaro

(Clicca sull’immagine in basso per iscriverti al canale YouTube)

Condividi questo articolo sul tuo :

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Per acquistare il nuovo eBooK di Don Francesco clicca sull’immagine o sul Pulsante e segui tutti i passaggi. Una volta terminata l’operazione, riceverai la mail con il libro.

Ultime News

Don Francesco Sostiene

Tutti i Contatti

  • Don Francesco Cristofaro
  • info@donfrancescocristofaro.it
  • Segreteria Organizzazione Eventi
  • 3 5 1 7 7 5 8 8 3 0

Orari Segreteria

Da Lunedi a Venerdi
Mattina 9:00 - 12:00
Pomeriggio 15:00 - 19:00